Parole maledette – 24 luglio 2008

Parole e parole.

E versi e strofe.

Poesie e racconti,

a breve romanzi.

Quante inutili parole.

Parole belle, struggenti, d’amore,

d’odio e rancore.

Che arricchiscono l’anima,

che scaldano il cuore.

Che donano passione,

speranza, gioia e stupore.

Invidia, illusione,

delusa partecipazione.

Parole che vivono in se e di se.

Trasportate dal vento,

battute dal sole,

bagnate dall’acqua,

bruciate dal fuoco.

Germogliate in terra,

come semi di primavera.

Inutili parole d’amore,

che non sanno descrivere l’anima,

e non parlano il linguaggio del cuore.

Ci provano attraverso me,

che ogni volta fallisco.

E maledetto per questo.

Perché parole son parole,

e i sentimenti sono altra cosa.

E non s’incontrano che per brevi momenti,

soltanto nel cuore di chi le ascolta.

Così son poeta per raccontare e non per scrivere.

Di emozioni provate o soltanto immaginate,

ma vissute con l’animo,

e rivissute in chi le ascolta.

E son poeta maledetto, non per me stesso.

Per chi mi ascolta.

Parole maledette – 24 luglio 2008ultima modifica: 2008-07-24T17:36:00+00:00da morris_garage
Reposta per primo quest’articolo

5 pensieri su “Parole maledette – 24 luglio 2008

  1. Perché parole son parole,

    e i sentimenti sono altra cosa.

    la penso come te, mai nessuno riuscirà a esporre i sentimenti che sono cosa troppo intima e personale, per questo ogni poesia ha mille interpretazioni.
    in ogni caso mi piace molto come scrivi

    buona notte

Lascia un commento